Ambiente

Via libera dal Consiglio di Stato all’air gun nel mar Jonio

No Scorie Tiisaia : “Bisogna considerare anche l’impatto ambientale”

Via libera dal Consiglio di Stato alle indagini sismiche 3D su uno specchio acqueo di 748 km nel Golfo di Taranto, autorizzate dal governo Renzi nel permesso di ricerca D79. I giudici di Palazzo Spada hanno inoltro respinto i ricorsi di regioni, Basilicata compresa, e comuni rientranti in altri otto permessi di ricerca. Il permesso di ricerca D79 era stato uno dei primi permessi di ricerca richiesti nel Golfo di Taranto dalla Enel Longanesi, permesso poi ceduto alla Aleanna Italia. Tra le motivazioni per cui La stessa regione Basilicata aveva perso il ricorso al Tar del Lazio proprio sul permesso D79 allora in carico alla Enel Longanesi vi era anche quella di non aver fornito osservazioni al ministero dell’ambiente sull’impatto ambientale del permesso stesso, cosi come hanno fatto comuni, comitati e associazioni. I permessi di ricerca confermati dal Consiglio  di stato riguardano tre società petrolifere. ”Senza entrare nel merito della sentenza – sottolinea No Scorie Trisaia – ricordiamo
che questo procedimento amministrativo avviato dal governo Renzi dovrà tenere comunque conto qualora si avviasse la ricerca petrolifera con l’ air gun dell’impatto ambientale che in realtà ci potrebbe essere sui delfini, sul corallo bianco ,sulle biocenosi, sulla pesca e sugli ecosistemi del nostro mare. Su eventuali danni che le popolazioni, le attività economiche e le istituzioni locali potrebbero riservarsi di chiedere al fine di tutelare il proprio patrimonio naturalistico e di interesse economico rilevante”.

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi