Cronaca

In Basilicata dal 25 al 29 giugno la Festa di Avvenire

Per il terzo anno consecutivo la Festa di Avvenire parte dalla Basilicata: dal 25 al 29 giugno l’associazione “Giovane Europa” promuove, insieme al quotidiano della CEI e alla Conferenza episcopale lucana, cinque serate di incontri per nutrire le coscienze, dialogare e camminare insieme su temi fondamentali per il Sud e per l’Italia. Si parte da Matera martedì 25 giugno alle ore 20 e 30 in piazza San Francesco con il concerto della Banda dell’Arma dei Carabinieri (che riceverà nello stesso giorno la cittadinanza onoraria della Città dei Sassi) per finire a Potenza, il 29 giugno, alle ore 20, al Teatro Stabile, con il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, che parlerà di Diplomazia vaticana con Papa Francesco. Il 26 Giugno, in piazza San Francesco a Matera alle 20 e 30, il Segretario generale della Conferenza episcopale italiana, monsignor Stefano Russo, il procuratore nazionale Antimafia Federico Cafiero De Raho, il segretario generale della Cisl Annamaria Furlan e il giornalista di TV2000 Paolo Borrometi, affronteranno il tema “Giovani, lavoro e legalità: le sfide per lo sviluppo del Mezzogiorno”. Stessa location quella scelta per giovedì 27 giugno alle 20 e 30, con Romano Prodi, già presidente del Consiglio Italiano e presidente della Commissione Europea, che dialogherà con il direttore di Avvenire Marco Tarquinio sul “Futuro dell’Europa tra America e Asia”. Venerdì 28 giugno, ancora a Matera, il presidente del Gruppo ospedaliero San Donato Paolo Rotelli e il rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore Franco Anelli, parleranno di “Eccellenza della proposta italiana nel mondo”. Le serate saranno introdotte dai vescovi della Basilicata. “La Festa di Avvenire in Basilicata non è solo un evento di richiamo per l’altissimo livello delle personalità che intervengono e per l’importanza dei temi trattati –ha dichiarato Angelo Chiorazzo, presidente dell’associazione ‘Giovane Europa’ – ma è un’occasione fondamentale per dialogare su ciò che crea sviluppo reale e sostenibile nei nostri territori. La Festa di Avvenire crea cultura, nella direzione della partecipazione responsabile ai processi sociali. In un momento storico nel quale l’Europa e l’Italia sono scosse da egoismi e da tendenze disgregatrici, la Festa di Avvenire rappresenta un esempio di come si possa, invece, camminare insieme. Fare cultura così unisce le persone e i popoli, permette di far ripartire il lavoro e processi di sviluppo più giusti, inclusivi e sostenibili. È un messaggio che parte da Mezzogiorno ma guarda all’Europa e al Mondo”.Main sponsor della Festa di Avvenire sono la cooperativa Auxilium e la Bcc Alberobello e Sammichele di Bari.

Show More

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi