Cronaca

Nel carcere di Melfi telefonini in pacco per detenuto catanese

Alcuni telefoni cellulari sono stati scoperti dalla Polizia penitenziaria in un pacco destinato ad un detenuto nella sezione “alta sicurezza” del carcere di Melfi. Lo ha reso noto il Sappe (Sindacato autonomo polizia penitenziaria) di Basilicata. I telefonini erano in una forma di formaggio. Secondo il segretario generale del Sappe, Donato Capece, “l’ingresso o il tentato ingresso di cellulari nelle carceri e’ un flusso continuo e il fenomeno non viene contrastato in maniera adeguata dall’amministrazione ne’ dal legislatore”, perche’ il possesso o l’introduzione dei cellulari “non
configurano precise ipotesi di reato, come dovrebbe essere, ma restano semplici violazioni amministrative ai regolamenti interni, un semplice possesso di oggetti non consentito”.

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi