Cronaca

Operazione anticaporalato nel Potentino

Sono complessivamente 19 gli indagati, di cui sei le misure cautelari agli arresti domiciliari – per un italiano, “capo” dell’organizzazione sul presunto sfruttamento del lavoro, e cinque “caporali”, tutti stranieri – eseguite stamattina dalla Polizia, nel corso di un’inchiesta coordinata dalla Procura di Potenza. “Condizioni brutali e disumane”: è lo stato in cui vivevano centinaia di migranti regolari, impegnati in agricoltura in Basilicata, nell’area del Vulture Melfese, costretti a lavorare 12 ore al giorno per pochi euro – peraltro retribuiti solo alla fine del periodo del raccolto – e a pagare l’acqua, la ricarica della batteria del cellulare e i servizi igienici nella “bidonville” in cui erano costretti a vivere. Il Procuratore Francesco Curcio, il pm Ersilio Capone e il dirigente della squadra mobile Donato Marano hanno illustrato i particolari in conferenza stampa. I migranti – tutti con permesso di soggiorno e con contratti regolari, ma mai registrati – vivevano ammassati in una “casa gialla”, così definita da loro stessi, di proprietà del capo dell’organizzazione, e reclutati dai caporali per una paga di circa quattro euro per ogni cassone raccolto (di circa tre quintali di peso, con una media di 25 casse al giorno per migrante). A questa cifra andava tolta la percentuale dei caporali (circa il dieci per cento) e anche il “gettone” necessario di 50 centesimi necessario per andare in bagno, per poter ricaricare la batteria del cellulare, oppure per lavarsi, che i migranti pagavano anticipatamente di tasca loro. Nell’area era stata anche organizzata dalla Regione una struttura di accoglienza, che i migranti sarebbero stati costretti ad “evitare” per non mettere a rischio i caporali. Le indagini sono durate due anni, anche su vicende che risalgono al 2014: il Procuratore ha spiegato che “le istituzioni e le associazioni del settore, che fanno in ogni caso un lavoro meritorio, avrebbero potuto però informarci di quello che avevano notato, ma alcuni hanno anche espresso paura.

Show More

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi