Cronaca

Procura sequestra il deposito della differenziata gestito dall’Acta a Potenza

I carabinieri forestali hanno eseguito oggi il sequestro preventivo del Centro comunale di deposito della differenziata, gestito dall’ Azienda per la cura e tutela ambientale (Acta), che si occupa della raccolta dei rifiuti nel capoluogo. Il sequestro e’ stato deciso dal gip presso il Tribunale del capoluogo, a conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica ed eseguite dai militari che hanno svolto accertamenti all’interno del centro di raccolta. I Carabinieri hanno accertato che “la gestione e il deposito di rifiuti speciali, pericolosi e non, venivano svolti nonostante la violazione della normativa in materia”, con “concreto pericolo di inquinamento delle matrici ambientali circostanti”. E’ stata  accertata, in particolare, “la mancata impermeabilizzazione di alcuni siti su cui erano stati depositati rifiuti con il pericolo di fuoriuscita di liquami”. Intanto l’Acta informa che è stato posto sotto sequestro preventivo il Centro di Raccolta dei rifiuti sito in via del Seminario Maggiore a Potenza. “Fino al suo dissequestro – si legge in una nota dell’azienda – non sarà possibile per i cittadini conferire i rifiuti presso il Centro. L’Acta opererà per fare in modo che il servizio venga ripristinato nel più breve tempo possibile”.

Show More

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi