Cronaca

Stalking: molesta una dipendente, rinviato a giudizio

Per mesi ha molestato una delle dipendenti della struttura sanitaria di cui era dirigente – “sottoponendola a vessazioni sul lavoro, minacciando di farle
ordini di servizio negativi se non avesse accettato le sue proposte” – e inviandole su Whatsapp messaggi di gelosia e minacciandola di “ucciderla con la pistola di cui aveva disponibilita’”: un uomo di 64 anni, residente nel Materano, e’ stato rinviato a giudizio per atti persecutori aggravati dal gup
di Matera. La vicenda si e’ svolta tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018: secondo quanto emerso dalle indagini, la donna – con la quale non c’era nessuna relazione sentimentale – ha sempre rifiutato le proposte, “ricevendo dal suo superiore “una serie di contestazioni e di ordini di servizio con cui condizionava e limitava la sua attivita’ lavorativa”, a cui si sono aggiunte le minacce, da quelle di “procedimenti disciplinari per
comportamenti immorali sul posto di lavoro in considerazione delle effusioni con i colleghi”, fino a quelle di morte. La prima udienza si svolgerà il 13 maggio.

Show More

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi