Eventi

A Francavilla in Sinni “Storie di donne”

Vent’anni fa l’ingresso delle prime donne nelle forze armate italiane, un anniversario che sarà celebrato anche a Francavilla Sul Sinni (Potenza), mercoledì 18 dicembre, dove a partire  dalle ore 16 e 30, presso il Columbia Multisala,  avrà luogo l’evento “Storie di donne”. Nel corso dell’iniziativa, organizzata con la  collaborazione dello Stato Maggiore della Difesa e dell’associazione culturale Occhio dell’arte, sarà presentato il “Calendario dello Stato Maggiore della Difesa Venti20:  20 anni con le donne nelle Forze Armate”. Dodici mesi che raccontano e celebrano il lavoro svolto con professionalità dalle donne che, da ormai due decenni, prestano servizio  nell’Esercito Italiano, nella Marina Militare, nell’Aeronautica Militare e nell’Arma dei Carabinieri.  Nel corso della serata, condotta dalla  giornalista del  Tg1 Cecilia Primerano,  interverranno il giornalista Alessandro Cecchi Paone e lo scrittore e critico letterario Andrea Di Consoli. Sul palco saliranno inoltre alcune donne militari delle Forze Armate, testimonial dell’evento, oltre che autorità militari e civili, tra i quali l’assessore regionale alle attività produttive, Francesco Cupparo , ed il sindaco di Francavilla sul Sinni, Romano Cupparo.  Non mancheranno momenti musicali. A cominciare dal trio Amadeus, formazione cameristica composta dalla pianista Rossella Talarico, dal clarinettista Vincenzo Accattato e dal violoncellista Carmine Fortunato, nata con lo scopo di diffondere il repertorio musicale classico ma anche moderno e, in particolare, le colonne sonore che hanno segnato la storia del cinema. A concludere la manifestazione sarà Giuseppe Gambi, tenore pop napoletano che proprio quest’anno compie 10 anni di carriera, che interverrà con la sua splendida voce di ambasciatore del bel canto italiano e napoletano nel mondo. Fu la  legge 380  del 20 ottobre del 1999 a consentire  alle donne di arruolarsi nelle Forze Armate permettendo, di fatto, all’Italia  di allinearsi ad una realtà comune a tutti gli altri paesi membri della Nato. Da allora sono quasi 16 mila le donne “con le stellette” ed è a loro, fucilieri, piloti, marinai in servizio di ordine pubblico e nel controllo del territorio, pronte a ricoprire incarichi di vertice delle Forze Armate che il calendario è dedicato. “Un progetto iconografico – spiega Lisa Bernardini, dell’associazione culturale Occhio dell’Arte – che, mese dopo mese, scatto dopo scatto, porta a conoscere alcune componenti delle  Forze Armate attraverso un militare donna che le rappresenta, impegnato nella propria quotidiana attività al servizio del Paese. Il reclutamento femminile può essere considerato come un’ equa opportunità di professionalizzazione, un mezzo per rafforzare il rapporto con la società, l’occasione favorevole per allargare il bacino dal quale trarre i professionisti per selezionare il meglio per ogni categoria di militari. ” I proventi della vendita del calendario saranno interamente devoluti all’associazione locale “Rinascita Meridionale”,  dal 1997 punto di riferimento per donne e bambini in difficoltà. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi