Cronaca

Assunzioni dirette ad Acquedotto Lucano, assolti tutti gli imputati

Imputati tutti assolti  “perchè il fatto non sussiste”. E’ terminato così  il processo di primo grado relativo alle presunte assunzioni “sospette” ad Acquedotto Lucano, effettuate a chiamata diretta a partire dal 2008, senza indire nessun bando pubblico. Il collegio del tribunale di Potenza, presieduto dal giudice Rosario Baglioni, ha respinto l’unica richiesta di condanna avanzata dall’accusa, ovvero quella nei confronti dell’ex direttore generale, Enrico Gerardo Marotta. Nella scorsa udienza, infatti, il pm Gerardo Salvia aveva chiesto la condanna a due anni non per le undici assunzioni inizialmente finite nel mirino degli inquirenti, ma per un altro contratto lavorativo emerso nel corso del processo e per il quale l’accusa aveva chiesto l’integrazione del capo di  imputazione. Per tutti gli altri imputati, invece, il pm aveva chiesto l’assoluzione, evidenziando altresì l’intervenuta prescrizione di alcune delle condotte contestate. Il tribunale ha accolto integralmente le richieste delle difese, assolvendo tutti gli imputati. Assoluzione, quindi, anche per l’allora direttore del personale, Pasquale Ronga e degli allora membri del consiglio di amministrazione, Mario Venezia (ex consigliere regionale), Antonio Anatrone, Domenico Amenta e Antonio Lauria.

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi