Società

Ad Oppido Lucano il maestro Takeshi Naito, il più alto rappresentante in Italia del Karate Shotokan

C’è attesa in Basilicata per l’arrivo ad Oppido Lucano del maestro Takeshi Naito, il più alto rappresentante in Italia del Karate Shotokan. Nella cittadina dell’Alto Bradano, il maestro, sarà impegnato domani e domenica. Primo appuntamento, domani, nel Palazzetto dello sport di Oppido Lucano, quando a partire dalle 15 il celebre karateka terrà un corso di arbitraggio ed a partire dalle 16 la prima sessione dello stage di Karate Jka (Japan Karate Association ) W.F. Italia. Alle 18, presso il cineteatro ‘Orbadiah’, Takeshi Naito prenderà parte al convegno sul tema “Arti marziali e bullismo tra pedagogia, psicologia e legalità. Quali prospettive?”. Il week end lucano si concluderà per il maestro domenica sempre al Palazzetto dello sport con inizio alle 9 per gli iscritti al corso di arbitraggio e appuntamento alle 10 per l’ultima sessione dello stage. La Japan Karate Association, fondata a Tokyo nel 1948, rappresenta l’essenza stessa del Karate Shotokan. Attraverso lo studio dell’arte marziale questa scuola promuove e valorizza l’esperienza culturale, sociale ed educativa del Karate – do Tradizionale. Oggi la Japan Karate Association svolge un’attività professionale in oltre 160 Paesi del mondo Da 70 anni continua a diffondere i principi che hanno animato il Maestro Funakoshi. Dall’anno 2012 la Japan Karate Association ha ricevuto dal Governo giapponese lo status ufficiale di Koeki Shadan Hojin ovvero “Associazione di Pubblico Interesse” ed e l’unica organizzazione legittimata nell’ambito del Karate – do tanto da rappresentare per tutto il Karate, ed in particolare per lo stile Shotokan, un importante avvenimento. La Japan Karate Association W.F. Italia si impegna e promuove con prestigio la formazione e l’educazione dei giovani, diffondendo un messaggio d’inclusione e valorizzando la competizione sana e pulita, cosi come il perseguimento della uguaglianza di genere e l’educazione al rispetto, contrastando ogni forma di violenza contro le donne.

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche questo
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi