Società

Rinnovati vertici del Centro Italiano Femminile regionale di Basilica

Raffaella Bisceglia riconfermata presidente regionale

Il Centro Italiano Femminile (CIF) regionale di Basilicata ha rinnovato i vertici dirigenziali  riconfermando all’unanimità Raffaella Bisceglia presidente regionale e consigliera nazionale, ed eleggendo Marilena Tomaiuolo vice presidente, Anna Vilonna,Mara Alberti,Mariassunta Catalani, Antonella Viceconti, Rosanna Lapolla e Beatrice Curatella componenti del consiglio di presidenza. L’incarico di segretaria e tesoriera verranno espletati rispettivamente da Mara Alberti e Mariassunta Catalani. Il Centro Italiano Femminile è un’associazione di genere, costituita ai sensi degli artt. 36 e ss. del codice civile. Opera in campo civile, sociale e culturale per contribuire alla costruzione di una democrazia solidale e di una convivenza fondata sul rispetto dei diritti umani e della dignità della persona secondo lo spirito e i principi cristiani, la Costituzione e le leggi italiane, le norme del diritto comunitario e internazionale. Il CIF svolge azione di presenza e di partecipazione in ogni ambito sociale e istituzionale e stabilisce rapporti di collaborazione con istituzioni, enti e associazioni sia pubblici che  privati, per il perseguimento delle finalità associative il CIF regionale di Basilicata costituito settan’anni fa opera a tutt’oggi per la realizzazione di una convivenza democratica in cui sia tutelata la dignità di ogni persona e riconosciuto il valore intangibile della vita, favorire la formazione della persona in ordine alla vita sociale, civile e politica e lo sviluppo delle singole comunità in vista del bene comune. Le attività culturali svolte con continuità da tutti i CIF della provincia di Potenza nel settantennio trascorso, hanno contribuito a promuovere i diritti di cittadinanza della donna e la sua partecipazione alla vita delle istituzioni e a tutt’oggi l’attività primaria del CIF resta sempre volta alle condotte che portano al superamento di  qualsiasi discriminazione praticando  una politica di pari opportunità, di riconoscimento e di integrazione delle differenze nel rispetto dei principi costituzionali operando  nelle sedi opportune con tutte le iniziative possibili per tutelare la famiglia e sostenerla nei suoi compiti.

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi