Ambiente

L’assessore regionale Rosa annuncia controlli sul torrente Gravina a Matera

“Un immediato intervento per risalire alle cause di sversamenti di liquami nel torrente Gravina a Matera”. Lo ha chiesto l’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa, rivolgendosi alla Polizia provinciale, al Comando
provinciale dei Carabinieri Forestali e alla Polizia municipale
della Citta’ dei Sassi. Rosa ha sottolineato che “continuano ad arrivare numerose segnalazioni circa la presenza di materiali maleodoranti,
soprattutto nel tratto a valle dell’intersezione Jesce. Si deve proseguire con i controlli per comprendere da dove partono gli sversamenti. I problemi non sono ascrivibili al depuratore Pantano. Dalle notizie fornitemi da Acquedotto Lucano si evince che l’impianto e’ perfettamente funzionante. Abbiano reso operativo – ha proseguito – il progetto di adeguamento del ciclo di depurazione proposto dalla Regione e finanziato con 4.835.000
euro dal Ministero dell’Ambiente, individuando come soggetto attuatore Acquedotto lucano. Questa era una delle questioni accantonate nella precedente legislatura, portata a termine dal governo Bardi. Il depuratore ora e’ nel pieno della sua funzionalita’”. Secondo l’assessore lucano, “non sono piu’ tollerabile gli abusi di alcuni che trasformano il torrente Gravina, suggestivo dal punto di vista ambientale e paesaggistico, in una discarica.
E’ nostro dovere – ha concluso l’assessore – intervenire subito per garantire non solo il decoro di un’area altamente frequentata ma anche il diritto alla salute dei cittadini e la tutela dell’ambiente”

Ti potrebbe interessare..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi